Cinepreso per sopravvivere al caldo

Standard

Questi primi mesi da cinepreso mi hanno insegnato che l’occhio umano non sempre è disposto ad entrare in un blog di cinema e passare il suo tempo a leggere. Se la luce del monitor è l’unica possibilità che abbiamo di abbronzarci (parlo a quelli che non hanno la fortuna di rinsecchirsi alla luce del sole in riva al mare) allora facciamo che sia almeno divertente.

20140618-234450-85490344.jpg

Da oggi ha inizio la versione estiva, rapida e veloce, del mio blog. Alle recensioni, che comunque arriveranno, affiancherò una serie di video, fatti curiosi, aneddoti… Insomma, articoli molto veloci e spensierati da leggere sotto l’ombrellone.

Il filmato che vi propongo è questo curiosissimo video musicale degli Ok Go.
Ammetto di non averli mai ascoltati con attenzione e di conoscerli poco, se invece li ascoltate da tempo scrivetemi nei commenti.

Invito a cercare anche gli altri loro video su youtube, sono molto simpatici.
Questo mi ha incuriosito e ho voluto proporlo sul blog perché mi permette di avanzare una delle domande fondamentali per chi si occupa di cinema: quanto la cinepresa riesce a catturare, e rappresentare, la realtà? Quanta parte ha il reale in ciò che vediamo attraverso il filtro di uno schermo?

Per ora la risposta non è data, e non sarò io a darla, ma la prossima volta che andare al cinema provate a guardare un film, anche documentario, ponendovi questa domanda. Vi sorprenderete!

Buona estate.
Gabriele Lingiardi