Apple + IBM, una partnership storica

Standard

AppleIBM_0

Dopo una lunga assenza dovuta principalmente ad esami assassini e sviluppo di app, effettivamente forse me ne vanto un po’ troppo, eccomi qui a parlarvi di una notizia che interessa poco l’utente comune, ma che ha una importanza storica di non poco conto.

Ritorniamo per un attimo nel 1984, se fossimo vissuti in una realtà alternativa saremmo stati succubi di una dittatura governata dal Grande Fratello e l’Inghilterra si chiamerebbe “Pista uno”. Fate attenzione perchè benchè il romanzo di George Orwell fosse una distopia prodotta dalla fantasia, nella mente di Steve Jobs il Grande Fratello esiste veramente, ha un logo, è onnipotente e nessuno oserebbe affrontarlo. Sto parlando di IBM.

Jobs era ossessionato dal fatto che IBM dominasse l’intero mercato tecnologico, dal parco macchine per imprese fino ai Personal Computer per le famiglie. Ma sbaglio o Steve Jobs è morto? Ora non è più lui al comando ed è Tim Cook a prendere le decisioni. E questa ha una componente a dir poco irreale se si sentono parlare Jobs e Cook in contemporanea (video qui sotto)

Fortunatamente la partnership Apple + IBM sembra veramente unire il meglio delle due compagnie e consentire loro di strappare a una oramai decadente RIM (conosciuta ora come BlackBerry) il dominio nelle aziende. Infatti la partnership consiste nello sviluppo di più di 100 app dedicate a iPhone e iPad create appositamente per sfruttare i servizi IBM, la creazione di una nuova AppleCare per le aziende e la possibilità per IBM di vendere interi stock di dispositivi iOS e fornire assistenza direttamente.

Questa partnership può quindi facilmente andare a intaccare anche Microsoft, il cui pacchetto Office è già stato preso di mira da Apple l’anno scorso con la presentazione del nuovo pacchetto iWork completamente gratuito e con molti servizi online (tra cui la modifica di un documento in più persone) senza nessun costo aggiuntivo. Tutti servizi che Microsoft offre nel pacchetto Office 365 a carissimo prezzo sia per i clienti comuni sia per le aziende.