Whatsapp è la nuova Microsoft (aggiornato)

Standard

IMG_0520.JPG
Io Whatsapp lo odio. Lo uso? Si, ma ne farei volentieri a meno. Il problema è che Whatsapp ha di fatto il monopolio delle comunicazioni via chat e nessuno sembra disposto ad iniziare ad usare un alternativa.

Ma perchè tutto questo odio? Beh, il problema non è tanto il funzionamento in sé del servizio, benché molto spesso qualche notifica non arrivi e vi siano problemi durante la connessione. Il problema risiede nell’arretratezza del servizio. Mi spiego meglio. Molto probabilmente Whatsapp è rimasto l’unico a non consentire l’utilizzo di un account su più dispositivi. Questa è la mancanza principale e non aspettatevi di vederla implementata a breve. La struttura di Whatsapp è stata creata specificatamente per l’utilizzo da un solo dispositivo, per stessa ammissione dei suoi creatori, e non è cloud-based, il che significa che non vi è la possibilità di avere le conversazioni sincronizzate tra più dispositivi nemmeno volendo. Io aspetto il giorno, che mai arriverà, in cui Apple renderà iMessage multi piattaforma e ucciderà così di fatto Whatsapp. In più, come se non bastasse, gli sviluppatori sono delle lumache nell’implementare nuove funzioni: sullo store ora è presente la versione 2.11.12 mentre io ho la beta 2.11.14.140 eppure non si è vista ancora nemmeno l’ombra delle notifiche interattive di iOS 8 e di un eventuale widget per il centro notifiche. Hanno a malapena implementato il supporto (non ancora rilasciato per motivi sconosciuti) per i nuovi iPhone. E con questi esempi di arretratezza si può partire dalle piccole cose, come la mancanza di informazioni riguardo la consegna e la lettura dei messaggi (porca vacca ma cosa ci vuole) fino a parlare della totale mancanza di criptatura nella trasmissione dei messaggi, che vengono così inviati in chiaro e sono molto facilmente intercettabili.

Il problema è il controllo che ha Whatsapp sugli utenti. Credo che nessuno abbia altre app di messaggistica istantanea installate se non per Facebook Messenger, che oramai comunque é talmente odiato da impedire, a prescindere dal buon funzionamento, il suo successo. L’unica app gratuita, open-source, cloud-based, criptata degna di aver successo é Telegram, abbastanza famosa ma di certo poco usata. Maledizione qualcuno faccia qualcosa. Non è possibile che con Yosemite e iOS 8 posso inviare un SMS dal computer ma non possa inviare un messaggio su Whatsapp. E che cavolo.

Aggiornamento:
A quanto pare serviva che io scrivessi un articolo per far si che Whatsapp aggiungesse la notifica di lettura. Tanto meglio.

  • Gabriele Lingiardi

    Telegram è una buona applicazione, anche se in questo ambito il numero di utenti che utilizzano il servizio crea il valore del servizio stesso

    • È proprio questo il problema purtroppo.. pensavo che il fatto che ora è a pagamento portasse al cambio ma oramai è troppo radicato…