Stonex One, orgoglio italiano?

Standard

Senza titolo-2E finalmente dopo settimane di piccoli annunci, piccole rivelazioni e tante piccole informazioni centellinate dal gruppo di Stonex, oggi finalmente il quadro è completo.

Stonex One, lo smartphone ITALIANO che deve “rompere le regole” costerà 300€!!!

Ma scommetto che sto correndo un po’ troppo per molti di voi. Prima di tutto: Cos’è Stonex? Stonex è una azienda multinazionale italiana, con sede a Lissone, che si occupa di apparecchiature elettroniche (Gps, Scanner, ecc..) e che ha deciso di aprirsi al settore mobile e lo ha fatto con la migliora intenzione: quella di “Rompere le regole” con il progetto dello smartphone chiamato Stonex One.

Perchè romperebbe le regole? perchè la scheda tecnica del telefono è questa:

  • Schermo: 5,5” QHD (1.440 x 2.560 pixel) vetro AGC Dragontrail
  • CPU: MediaTek Helio X10 64-bit octa-core a 2 GHz
  • RAM: 3 GB
  • Memoria interna: 32 GB espandibile (con microSD fino a 64 GB)
  • Fotocamera posteriore: Sony da 21 megapixel, video in HDR, video e foto fino in 4K, 1080p 60fps, 720p 120 fps
  • Fotocamera frontale: 8 megapixel
  • Connettività: LTE, Bluetooth, NFC, Wi-Fi
  • Batteria: 3.000 mAh removibile
  • OS: Android 5.0 Lollipop

E il prezzo come ho detto dovrebbe essere di 300€…

Per farvi capire di cosa stiamo parlando abbiamo praticamente un Galaxy s6 con un processore un po’ meno potente, materiali meno pregiati e schermo più grande (che per qualcuno potrebbe essere anche un pregio)!…. a 300€. Capite ora perchè “Orgoglio italiano” nel titolo? Sulla carta il telefono è una bomba per il prezzo a cui viene proposto, un must-have, un OnePlusOne italiano!

Insomma, se fosse davvero così sarebbe davvero un progetto italiano di cui essere fieri.

Senza titolo-3

Ma purtroppo nel titolo c’è un punto interrogativo visto che al momento il condizionale è d’obbligo quando si parla di Stonex, per vari motivi: prima di tutto perchè nessuno ha ancora potuto vederlo nè tanto meno provarlo dal vivo, sia perchè il ricordo di OnePlus One fa riaffiorare anche tutte le problematiche di cui ha sofferto quello splendido telefono. Nulla si può dire quindi sul sistema operativo personalizzato, la fotocamera, la batteria, la fluidità ecc.

stonexCome ulteriore problematica c’è quella, non indifferente, dell’acquisto, che ha segnato anche il destino di OnePlus One per molti mesi: quella della vendita per stock. Con questo metodo (scelto per evitare di avere invenduti e produrre solo lo stretto necessario) c’è sempre il rischio di non riuscire ad acquistarlo a causa dell’esaurimento dei pezzi, e dover aspettare il successivo stock per un tempo imprecisato.

Per ora, inoltre, è solo possibile prenotare uno dei pezzi del primo stock, in più il sito è attualmente down per troppo traffico e l’inizio dei preordini è stato rimandato di una settimana… Quindi abbiamo un ritardo sul primo preordine del primo stock il primo giorno… a mio modo di vedere questa sarà una delle problematiche maggiori, o per lo meno è l’aspetto su cui sono più scettico.

Altra nota personale è che il testimonial del telefono è Francesco Facchinetti… sì esatto, quello del Capitan Uncino. Non proprio una personalità azzeccatissima a mio modo di vedere, e che nonostante stia facendo un buon lavoro di promozione al dispositivo, io non riesco personalmente a digerire (anche per la storia di Francesco Sole… chi lo sa, lo sa).

Al momento non posso dire altro. Spero davvero che avremo finalmente uno smartphone italiano che possa far concorrenza anche ad altri grandissimi nomi; anzi, se si rivelerà tutto vero e tutto perfetto ciò che è stato promesso, Stonex One diventerebbe oggettivamente il miglior telefono Android disponibile, con il suo prezzo assurdo.

Purtroppo nulla è ancora confermato e molti spettri di OnePlus aleggiano su Stonex, aspettiamo e speriamo tutti per il meglio.