★ Apple 3.0, beta 1

Standard

0925-ive-federighi-630x420
Dopo una settimana dal WWDC, si può commentare il tutto con un po’ più di testa, perchè è passata l’euforia iniziale e si è un po’ più obiettivi. Tralasciando comunque che ne ho viste di ogni in internet, anche di androidiani furiosi (e abbastanza male informati) che lanciavano insulti a destra e a manca e al contrario gente che è andata matta, come me, per le nuove feature presentate.

Detto questo ecco di cosa voglio parlare: a molti può sembrare che Apple si stia lentamente lasciando andare e diventando un po’ più come Google con Android, ma c’è una enorme differenza tra il modo con cui fa le cose Apple e quello di Google.

Continua a leggere

Se fossi milionario, cosa compreresti?

Standard

euros

Se faceste 6+1 al Superenalotto, come spendereste i vostri soldi? Lo so che ci avete pensato! Tutti almeno una volta ci siamo fatti infiniti viaggi mentali su come spendere quei 100 milioni di euro esentasse. Macchine sportive, barche, ville, palazzi, viaggi, isole tropicali, (beneficenza?) e così via. E sì, questi viaggi me li sono fatti anche io.

Ma qualche giorno fa, un amico mi ha chiesto: “ma tu se potessi spendere tutto quello che vuoi, che telefono compreresti?” Per evitare di rispondere banalmente: “tutti!” gli ho risposto che ci dovevo pensare, perchè in effetti una risposta non ce l’avevo.

E quindi adesso dopo averci pensato per bene ecco cosa mi comprerei io se fossi milionario.

La sua domanda dell’amico era rivolta agli smartphone… ma sono milionario cavolo! perchè limitarsi solo a smartphone? La lista sarà quindi un bel po’ più lunga!

Continua a leggere

★ Apple: l’ultima a combattere le pirateria

Standard

20140530-082800-30480180.jpg
Sembra un po’ strano a pensarci, ma è facile da realizzare: Apple è forse stata da sempre l’unica compagnia a combattere la pirateria e di sicuro è l’ultima. Ovviamente mi riferisco a compagnie produttrici di sistemi operativi, non alle case discografiche e quant’altro.

Analizziamo per bene la situazione: benchè si continui a bersagliare Apple come malvagia per utilizzare un modello chiuso e ultraprotettivo nei suoi prodotti, è l’unica compagnia a tenere in piedi il mercato delle app e per anni è stata praticamente l’unica ancora di salvataggio dell’industria musicale. Tutto questo perchè? Partiamo dal principio.

Continua a leggere

Le reazioni ai risultati finanziari di Apple

Standard

image

Ieri sera verso le 22 Apple ha annunciato i risultati finanziari del secondo quarto fiscale del 2014. Per chi non fosse pratico di bilanci aziendali, ogni azienda divide il proprio anno fiscale, che non coincide quasi mai con l’anno solare, in 4 quarti di 3 mesi l’uno.

Tralasciando i numeri presentati che sono talmente enormi da non poterne capire bene l’entità (tipo la modica cifra di 10,8 miliardi di profitto in soli tre mesi) vorrei evidenziare il fatto che Apple ha nell’insieme superato le previsioni degli analisti. Quando si parla di Apple e di come possa andare il titolo in borsa dire che in generale ha battuto le aspettative vuol dire riferirsi alle vendite degli iPhone. Tutto il resto non conta.

Continua a leggere

Fuori dai denti: 700 no.

Standard

asssdfghjkl
Articolo fatto di getto, ammetto di essere già irritato di mio e non vedo nessun motivo per non incanalare il nervosismo in un articolo che potrà essere banale e scontato, ma che da molto tempo volevo scrivere. Attenzione, l’articolo potrà avere un tono leggermente più incazzoso del solito.
Perchè scriverlo ora questo articolo? (oltre alla già presente incazzatura)? Perchè due giorni fa ho visto un galaxy s5 in aula.
Continua a leggere

★ Office per iPad: troppo poco, troppo tardi

Standard

image

Il primo iPad fu presentato nel lontano 2010. Apple rese disponibile fin da subito la suite iWork per iPad composta da Pages, Numbers e Keynote ad un prezzo 9 euro ad applicazione. Le applicazioni sono state più volte aggiornate e dall’anno scorso sono diventate completamemte gratuite per tutti i nuovi acquirenti di Mac, iPhone e iPad. Ieri Microsoft ha presentato Office per iPad.

Continua a leggere