Il primo biglietto strappato

Standard

Qui si parla di cinema.
Potrei riassumere in queste 5 parole le motivazioni per cui ho aperto questo Blog.
Se mi conoscete personalmente o avete avuto modo di scambiare due parole con me sapete già chi sono e che mi piace il cinema. Se mi avete scoperto per caso, dopo che sono spuntato miracolosamente tra gli algoritmi di google o grazie al passaparola creato da qualche mio amico, sappiate che mi chiamo Gabriele Lingiardi, nel momento in cui scrivo sto frequentando il terzo anno di Lettere Moderne e spesso pago il biglietto e passo qualche ora davanti ad uno schermo luminoso.
Credo che un bravo blogger navigato debba, a questo punto, spiegare le profonde motivazioni filosofiche che l’hanno portato ad aprire uno spazio web, le ragioni socioeconomiche, l’ideologia rivoluzionaria che rappresenta. Io sono al primo blog e mi limiterò a dire: questo è uno svago, un esperimento senza pretese. Un luogo di sfogo, in cui parlare liberamente di cinema in cui essere ascoltato ma anche in cui interloquire.
Cinepreso. Cine-preso, filmato ma anche catturato. Tenuto stretto, incantato dalla potenza delle immagini in movimento. Mi rivolgo a tutte le persone che, come me, provano questo cinerapimento davanti a un buon film e che vogliono semplicemente parlarne, senza la pretesa di avere una qualche autorità critica ma semplicemente confrontando visioni e letture. Un raccordo di sguardi diversi.
Di più non vi so dire: il blog nascerà crescendo, grazie ai vostri suggerimenti e ai vostri consigli.
Scrivetemi, scrivete le vostre recensioni (le migliori saranno pubblicate), consigliatemi film e suggeritemi rubriche.

Poche informazioni prima di iniziare:
– Per quanto riguarda il problema del voto/non voto ho voluto risolverlo in questo modo: ritengo che dare un voto, utilizzando un criterio scolastico, sia svilente e poco indicativo della complessità del rapporto target/generi cinematografici/ obiettivi che la pellicola si pone. Per come la vedo io un buon film di intrattenimento ha sicuramente un valore diverso rispetto a un buon film sociale, ma non per questo il primo deve essere stroncato e il secondo promosso ad opera d’arte. Dare un voto può però, aiutare a inquadrare in modo immediato il valore del film. Per ciò ho deciso che darò una votazione bilanciata rispetto al ricordo delle sensazioni che ho rispetto a film simili. Questo significa che il voto si adatterà, cambierà, in base alle sensazioni del momento. Se un film come Il Ritorno del Re resiste al passare degli anni, non si può dire lo stesso di un film come il primo Tron. Così come il mio ricordo sul valore di un film può variare con il tempo. Non lamentatevi se saranno incoerenti, sono coerenti a modo loro.
– Sono molto graditi consigli o contro-recensioni costruttive.
– Cercherò di aggiornare la pagina con costanza ma, in caso non riuscissi, studierò un modo per farvi sapere quando saranno caricati nuovi contenuti. Nel frattempo, se avete un blog o un lettore di feed rss, seguitemi.
– Condividete, condividete, condividete, i più bravi potrebbero ottenere una menzione d’onore e la mia eterna gratitudine.

È il momento di iniziare, spero vi divertiate anche solo la metà di quanto mi diverto io a scrivere.
Che lo schermo sia con noi: motore e azione!
Gabriele Lingiardi.

medusa-cinema-sale-01