Non c’è due senza Trailer!: I Guardiani della Galassia

Standard

Guardiani_della_Galassia_film
In questo blog, se non si fosse capito, parliamo di cinema.
Ammetto che non ho ancora ben chiaro come si svilupperà, cosa diventerà, quanto tempo mi sottrarrà alla vita sociale.
Però io amo il cinema e chi ama il cinema non può esaltarsi aspettando, imparando a memoria e analizzando…i trailer! Quindi perché non parlarne?
Non so quanti abbiano già avuto questa idea ma mi piace credere di essere il primo ad avere creduto seriamente nel successo di una rubrica di critica dei trailer chiamata : “considerazioni critiche, speculazioni, salti sulla sedia, prequel, sequel e chi più ne ha più ne metta. Il migliore amico che un fanboy possa avere: il trailer!
Detto in modo che lo possiate memorizzare:
Non c’è due senza Trailer!

Iniziamo con un film su cui ho aspettative a livello “cara Marvel voglio il capolavoro”: Guardians of the Galaxy.
Per gli amici GOTG.
Ecco a voi la meraviglia:

Allora?
Non pensate che si prenda meravigliosamente poco sul serio?
Ho recuperato la serie a fumetti, quella appena rilanciata da Bendis e McNiven, e la trovo molto carina. Dopo 5 numeri sono già fan di
Rocket Raccoon, il procione con il bazooka, e di Groot, l’alieno a forma di pianta che -nei fumetti- comunica tramite un’unica frase: “io sono Groot” di cui solo il procione è in grado di capirne le sfumature.
Il trailer mi sembra molto originale, e riesce a funzionare veramente bene come Teaser (i teaser trailer devono fare venire l’acquolina in bocca senza mostrare troppo).
L’unico dubbio a questo punto è sulla storia, da sempre abbastanza carente nelle produzioni Marvel. Riuscirà a ridarci quella sensazione di spazio come luogo dalle infinite possibilità, come western galattico che ha Star Wars come parente più vicino? Sarà diverso?
Prometto che non finirò tutti gli articoli di questa rubrica con delle domande a cui solo il tempo potrà dare risposta ma cercherò anche di affermare qualcosa. Ad esempio che, vada come vada, la Marvel non può sbagliare. Ha bisogno di questo film, ha bisogno di aprire nuovi scenari per portarci alla famigerata “fase tre” che sarà aperta da Ant-Man, un altro film su cui ho aspettative bassine bassine (alzi la mano chi sente dell’ironia in questa frase).

trailerometro: potenzialmente un filmone

Gabriele Lingiardi