Man Down la recensione da Venezia 72

Standard

11992392_10207969568425766_1190180561_n
Man Down, di Dito Montiel, 2015

Sembra un po’ uno star vehicle questo Man Down tutto concentrato sul suo protagonista e attento a sottolinearne ogni sfumatura emotiva. Un tentativo di risollevare la carriera di Shia LaBeouf, ex star di Transformers, antipatico -a quanto pare- a molti. Alla regia Dito Montiel di Guida per riconoscere i tuoi santi.
Continua a leggere

Janis la recensione da Venezia 72

Standard

a-janis-joplin
Janis, di Amy Berg, 2015

Nonostante la veste formale classica Janis di Amy Berg è un viaggio emotivo, forse anche più che emozionante, all’interno dei lati più misteriosi del carattere della cantante. La narrazione si sviluppa con il massimo della linearità partendo dalle origini fino alla morte della ragazza. Quello che sembra interessare alla Berg non è tanto la parabola artistica quanto le ragioni di quest’arte.
Continua a leggere

A War (Krigen) la recensione da Venezia

Standard

11997427_10207959803021637_178139038_n
A War, di Tobias Lindholm, 2015

Presentato nella sezione orizzonti Krigen è un racconto di guerra o meglio delle guerre combattute giornalmente sia sui luoghi dei conflitti che nella quotidianità. Il regista, Tobias Lindholm contrappone il punto di vista di un soldato, sempre al centro del conflitto e di sua moglie, marginale e lontana dalle operazioni belliche ma coinvolta dal conflitto nella quotidianità.
Continua a leggere